Frecco

Il Castello di Frecco è stato costruito attorno all’anno 996 d.c. assieme a quelli  di Collemincio e Compresseto, come baluardo della città di  TADINUM, che era stata messa  a ferro e fuoco da OTTONE III, a causa del  rifiuto di assoggettarsi  ai Conti di Nocera che militavano sotto le insegne dell’Imperatore germanico. Un passaggio importante della storia di questo castello risale al 1256;  il comune di Gubbio voleva impadronirsene, ed il proprietario Giovannuccio di Bartolo,  assieme a Tommaso Monaldo  ( del Castello  di Compresseto), chiese aiuto a Perugia, allora in rotta con Gubbio.  In cambio di protezione i due feudatari si impegnarono a mantenere le strutture, le giurisdizioni e gli abitanti sotto il comune di Perugia. Da quell’anno i due castelli furono sempre validamente difesi e favoriti, in virtù della  posizione strategica di baluardo orientale della provincia di Perugia , ed esentati da dazi e tributi per i meriti e la fedeltà dei loro abitanti.


CHIESA DI S.ANNA
La Chiesa di S.ANNA venne costruita nel 1470 dalla famiglia Olivieri di Nocera, all’epoca proprietaria del territorio di Frecco, a ridosso  dell’omonimo Castello.


Nonostante le ricche rendite di cui disponeva e l’importanza di cui godeva, agli inizi del 1900 cadde completamente in disuso; nel 1941 la famiglia del Comm. Freddi acquistò i terreni di Frecco e diede opera alla ricostruzione della Chiesa ( di nuovo abbattuta dall’ultimo terremoto) ed al recupero del culto di Sant’Anna, ancora oggi molto sentito, tanto da dar luogo il 26 luglio di ogni anno a messe e processioni in suo onore.